L’ERRORE PIÙ STUPIDO CHE DISTRUGGE LE RELAZIONI (che non ti farà superare la paura dell’abbandono!)

By | settembre 16, 2016

Arguing couple

LEI: È più di un mese che quel ragazzo non mi chiama

IO: Mi dispiace…

LEI: Che poi lui mi ha fatto soffrire, gli ho scritto un sacco di volte e non si è voluto far vedere…

IO: E perché questa cosa ti fa soffrire?

LEI: Perché non capisco quello che vuole…

IO: Veramente a me sembra evidente…

LEI: Cioè?

IO: Non vuole vederti 🙂

LEI: Come fai a saperlo, non lo conosci nemmeno?

IO: Beh…

LEI: Ma scusa e allora perché mi avrebbe detto tutte quelle cose belle all’inizio?

IO: Si vede che ha cambiato idea…

LEI: Faccio sempre così, per questo poi sono una tipa spigolosa e scontrosa con le persone…

IO: E meno male, se eri sensibile cosa succedeva? 🙂

LEI: Mi prendi in giro?

IO: Dai ma è evidente che sei una tenerona che gioca a fare la dura…

LEI: (…)

IO: Non te la prendere, è che semplicemente fai l’errore stupido che tutti fanno nelle relazioni…

LEI: Cioè?

IO: Chiudono il cuore con le persone che provano a conoscerle, e si ricordano di aprirlo solo quando si sentono sole o si prendono una cotta per qualcuno

LEI: E come dovrei fare a non farlo?

IO: Credimi, non ha senso che te lo dica…

LEI: Perché?

IO: Perché se le soluzioni te le do io restano solo parole che ti rimbalzano addosso e che tra un’ora hai dimenticato. Mentre se le cerchi tu qualche possibilità in più c’è

LEI: E cosa devo fare?

IO: Secondo te perché lui non si è fatto più sentire?

LEI: Perché è uno stronzo

IO: ok, poi…

LEI: Perché con me fanno tutti così, si avvicinano, e poi quando mi apro si allontanano

IO: Oh… adesso iniziamo a capire il problema

LEI: Quale problema?

IO: Non ti sembra un po’ strana sta cosa?

LEI: Vorresti dire che è colpa mia?

IO: No, ma non pensi che questo tuo continuo aspettarti che le persone ti abbandonino porta le persone ad abbandonarti?

LEI: No!

IO: E cos’è allora?

LEI: Sono loro ad essere stronzi!!!

IO: Se io adesso venissi da te e continuassi ad annusarmi le ascelle per vedere se puzzo, e più mi avvicino più mi annuso le ascelle, alla fine tu cosa penseresti?

LEI: Che non ti sei lavato…

IO: E non è quello che fai tu con gli uomini?
Non dico che sia colpa tua, ma non pensi che i tuoi comportamenti generino dei dubbi nelle persone?

LEI: Che tipo di comportamenti?

IO: Quante volte gli hai scritto?

LEI: Intendi quanti messaggi??

IO: Si

LEI: 17…

IO: Ok, allora posso anche smettere di parlare…

LEI: Ma scusa, lui non mi rispondeva, per quello continuavo a scrivergli!

IO: No, tu ti sentivi abbandonata, per quello continuavi a scrivergli.
E le persone, almeno quelle sane di mente, non vogliono stare con le persone disperate

LEI: Sei proprio arrogante, ma come ti permetti di chiamarmi disperata? Vorresti dire che non si dovrebbero accettare i difetti caratteriali di una persona?

IO: Non ho detto questo…

LEI: E cosa?

IO: Ti ho dato una spiegazione possibile della cosa.
Io penso che quando si sceglie di stare con una persona si prende il pacchetto completo, comprese le paranoie e i difetti caratteriali.
Ma il punto secondo me non è questo…

LEI: E qual’è?

IO: Che hai passato tutta la conversazione a chiederti come mi permetto io di dirti queste cose, invece di cercare di imparare qualcosa su te stessa

LEI: Ma guarda che è vero. Tu non puoi capire quello che ho passato io da bambina, io sono stata abbandonata, non puoi capire!

IO: Adesso chi è che è arrogante?

LEI: Cioè?

IO: Se tu che hai detto che non posso capire, senza informarti su quello che ho passato io 🙂

LEI: Vorresti dire che sei stato abbandonato?

IO: No…

LEI: E Allora?

IO: Allora niente, se te lo dicessi farei lo stesso errore che fai tu.

LEI: Cioè?

IO: Mi aprirei con persone che mi attaccano invece che con le persone che mi dimostrano, con I FATTI e non con le parole, che ci tengono a me

LEI: E così tu hai superato la paura dell’abbandono?

IO: Non lo so, facciamo così non chiamarmi per un mese e te lo dico 🙂

 

(Conversazioni da Coach – Dialoghi Platonici ai tempi di WhatsApp)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *